Meno discrezionalità dei Giudici nella valutazione del danno parentale

In tema di quantificazione del danno da perdita del rapporto parentale, la Corte di Cassazione con la recente sentenza n. 10579 del 21.04.2021, per la prima volta dopo decenni di giurisprudenza unidirezionale, ritiene necessario fare applicazione di Tabelle che quantifichino il danno secondo parametri fissi (come previsto dalla Tabella del Tribunale di Roma) anziché di…

Addebito della separazione al marito se la sua auto è fotografata sotto casa dell’amante.

Il Tribunale di Pesaro, nella recente pronuncia n. 232 del 29.03.2021, ha dato rilevanza decisiva, ai fini dell’addebito della separazione, alle fotografie ritraenti la macchina del marito parcheggiata sotto casa dell’amante. Secondo la ricostruzione del Tribunale, tali fotografie dimostravano che il loro rapporto tra i coniugi era entrato in crisi a causa della clandestina relazione…

Le coppie gay hanno il diritto di trascrivere in Italia l’atto di nascita estero del figlio adottivo: Cassazione Civile, SS. UU., n. 9006 del 31 marzo 2021.

Con una decisione epocale rispetto alla giurisprudenza italiana in tema di filiazione, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno recentemente affermato che  “non contrasta con i principi di ordine pubblico internazionale il riconoscimento degli effetti di un provvedimento giurisdizionale straniero di adozione di minore da parte di coppia omoaffettiva maschile che attribuisca lo status…

La liquidazione del danno morale è autonoma e distinta rispetto alla liquidazione del danno biologico: Cassazione Civile, sez. III, 10 novembre 2020 n. 25164

In poco più di 12 pagine, ampiamente motivate, la III Sezione della Suprema Corte apre una breccia nel collaudato meccanismo del risarcimento del danno alla salute, ad oggi basato sulle Tabelle di liquidazione del Tribunale di Milano. Nello specifico, argomentando dalla non coerenza delle Tabelle milanesi con il dettato dell’art. 138 del Codice delle Assicurazioni…

Le nuove tabelle per il calcolo del risarcimento del danno biologico

Lo scorso 13 Gennaio, il Ministero dello Sviluppo economico ha reso pubblici gli schemi di Dpr contenenti il meccanismo di calcolo dei risarcimento del danno biologico, basato su quanto elaborato con le Tabelle del Tribunale di Milano. Tale documento, è un provvedimento normativo atteso da oltre 15 anni. L’articolo 138 del Codice delle Assicurazioni infatti,…

In arrivo la tabella unica nazionale per la quantificazione delle macrolesioni

Finalmente, il 13 gennaio il Mise ha avviato la pubblica consultazione sullo schema di Dpr che dovrebbe finalmente conferire certezza e uniformità ai risarcimenti dei danni non patrimoniali derivanti da lesioni gravi da circolazione stradale (e nautica) o da responsabilità sanitaria. Tale schema contiene la Tabella unica nazionale volta a fornire, anzitutto, i criteri attraverso…

Autonomia del danno morale: storica sentenza della Corte di Cassazione

Le trattative tra assicurazioni e danneggiati rischiano di divenire molto complesse, alla luce della recente sentenza della Corte di Cassazione n. 25164 del 10 novembre scorso. Il provvedimento in esame, altro non fa che scomporre il danno alla persona per la lesione del bene salute (c.d. biologico) e lo fa andando a toccare il nocciolo…

Fatto ignoto: a chi spetta l’onere di dimostrarlo?

I Giudici della Corte di cassazione, con la sentenza n. 18102 del 2020, si sono soffermati su due aspetti fondamentali del c.d. nesso causale nei giudizi di malasanità. In tali giudizi, infatti, il medico e il paziente sono gravati da un differente onere della prova e, quindi, il fatto ignoto ricade sull’uno o sull’altro a…

Diritto della famiglia – Azione di disconoscimento della paternità: fino a quando è possibile?

Con il c.d. decreto filiazione del 2013, è stato introdotto il termine di decadenza di 5 anni dalla nascita del figlio per la proposizione dell’azione di disconoscimento di paternità. La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, risolve il dubbio sull’applicabilità di tale disposizione e ribadisce la necessità della nomina di un curatore speciale…

Diritto industriale – Juventus, Napoli, Inter, Milan, Roma e affini: marchi da tutelare

Secondo i giudici della Cassazione, i marchi delle squadre di calcio, impressi sulle maglie da gioco, sono pienamente tutelabili al pari di ogni altro e quindi tutto ciò significa che rientra nella fattispecie di commercio di prodotti con segni falsi la condotta di colui che detiene per la vendita magliette recanti i segni di riconoscimento…