Lo studio Legale FCA ha maturato un’importante esperienza anche sul versante della tutela dei medici coinvolti in procedimenti giudiziari, civili, penali, e disciplinari.

Come noto, il medico è sempre più spesso bersaglio di azioni giudiziarie assolutamente infondate e talvolta con evidenti finalità speculative.
Tutto ciò lede la dignità e pregiudica gravemente la serenità di chi ha scegliendo la professione medica e ha posto la sua vita a servizio dell’uomo.
Lo studio legale FCA, attraverso un team di professionisti specializzati (consulenti medici di chiara fama, psicologi del lavoro, agenti assicurativi), fornisce un’assistenza efficace e concreta che va dallo studio della richiesta di risarcimento o dell’informazione di garanzia fino alla chiusura del procedimento giudiziario, sia civile che penale, ovvero anche disciplinare ed assicurativo.

Dal 2019 l’avv.Cecconi è partners di Consulcesi & Partners (www.consulcesiandpartners.it) per l’assistenza e consulenza di medici e professionisti della sanità nei procedimenti di responsabilità medica e nel diritto del lavoro.

Lo studio legale PSP, coordinato dall’Avv. Francesco Cecconi, mette a disposizione anche un servizio di prima consulenza, specializzata e gratuita, sia via email che via telefono lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle 13.00 e dalle 16:00 alle 19:00.

Avv. Francesco Cecconi
[email protected]
+39 055 5520283

Le ultime news sulla Tutela dei Sanitari

Fatto ignoto: a chi spetta l’onere di dimostrarlo?

I Giudici della Corte di cassazione, con la sentenza n. 18102 del 2020, si sono soffermati su due aspetti fondamentali del c.d. nesso causale nei giudizi di malasanità. In tali giudizi, infatti, il medico e il paziente sono gravati da un differente onere della prova e, quindi, il fatto ignoto ricade sull’uno o sull’altro a…

Leggi di più

Covid-19 come “infortunio sul lavoro”? Risponde l’avv. Francesco Cecconi

Come viene considerata dalle assicurazioni l’infezione da Covid-19? Per l’INAIL è infortunio sul lavoro per le compagnie d’assicurazioni no. In caso di indennizzo negato si può fare ricorso. L’avvocato Francesco Cecconi: «Un’inaccettabile disparità di trattamento tra operatori sanitari dipendenti e liberi professionisti» Al seguente link (https://www.sanitainformazione.it/lavoro/covid-assicurazioni-medici-infortunio-inail-compagnie-risarcimento/) trovate l’intervista integrale dove l’avvocato Cecconi (partner di Consulcesi…

Leggi di più

Danni da talidomite: da quando inizia a decorrere la prescrizione per la domanda di indennizzo?

Come per il danno da emotrasfusioni, anche per il danno da somministrazione di un farmaco senza adeguati controlli sulle potenzialità di produrre effetti collaterali dannosi per la salute vale il principio per cui il termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno da parte di chi assume di aver contratto per contagio una malattia…

Leggi di più

Consenso informato: spetta al paziente provare che, se adeguatamente informato, non avrebbe fatto l’intervento

La Corte di Cassazione, nell’ordinanza n. 9887/2020 conferma il principio ormai pacifico in base al quale, in ambito medico la manifestazione del consenso del paziente all’intervento chirurgico è espressione del diritto all’autodeterminazione, che trova il suo fondamento in quanto sancito dagli artt. 2, 13 e 32, comma 2,della Costituzione. I Giudici precisano però che, nel momento in…

Leggi di più

Emotrasfusioni infette e responsabilità medica

Attraverso questa sentenza, i Giudici della Cassazione accordano il risarcimento ai congiunti se l’epatite da trasfusione di sangue infetto è concausa della morte perché ha creato problemi alla coagulazione. La fattispecie Un padre e un figlio convengono in giudizio il Ministero della Salute per ottenere i danni subiti in conseguenza della morte della moglie e…

Leggi di più

Uno c.d. “scudo penale” a favore di medici, dirigenti sanitari e operatori

In queste ore, a seguito di emendamenti presentati da varie forze politiche, il Governo sta valutando l’opportunità di inserire nel decreto di prossima emanazione, uno c.d. ‘scudo penale’ a favore di medici, dirigenti sanitari e operatori, i quali sarebbero esentati da responsabilità civile e penale per il periodo dell’emergenza sanitaria. Ciò significherebbe che i manager…

Leggi di più