Lo Studio svolge attività di assistenza e consulenza nel diritto civile ed assicurativo e nelle pratiche di responsabilità derivanti da illecito, sia contrattuale che extracontrattuale.

Nell’area dell’ illecito civile, lo studio ha maturato notevole esperienza nella casistica dei gravi infortuni con importanti lesioni personali e con decessi, nelle loro molteplici fattispecie: incidenti stradali, sulle piste da sci danni da insidie, quali le buche stradali, pavimenti bagnati, attività pericolose ed altro, nonché polizze assicurative e relativi indennizzi.

L’attività dello studio si è svolta anche nelle aree disciplinate da norme speciali quali quelle la responsabilità:

  • degli incapaci
  • dei genitori, tutori e precettori
  • dei padroni e committenti
  • per l’esercizio delle attività pericolose
  • per danni cagionati da cose in custodia
  • in materia di sinistri marittimi
  • per danni cagionati da veicoli ovvero responsabilità civile automobilistica detta RCA
  • per danno cagionato da animali
  • per danni cagionati da rovina di edificio.

Particolarmente significativa l’esperienza maturata negli anni dallo studio nella assistenza al risarcimento dei danni derivanti da gravi lesioni personali e nei danni derivanti da decesso.

Il settore del risarcimento dei danni derivanti da gravi lesioni personali (cosidette macrolesioni o dei danni da morte), soprattutto per quanto concerne l’individuazione dei criteri per la relativa quantificazione, ha subito negli anni una lunga e complessa evoluzione tanto da essere considerata un delle più mutevoli materie del nostro ordinamento.

Lo Studio ha maturato una importante esperienza nell’ambito della quantificazione dei danni non patrimoniali (quali quello alla salute, quello c.d. morali ed esistenziale) e nei danni patrimoniali (quale lucro cessante e danno emergente, da perdita di chanches).

Nell’ambito della quantificazione del danno non patrimoniale particolarmente significativa la trattazione di molteplici casi di danno c.d. biologico nelle sue conseguenze dinamico relazionali, sia in ambito di invalidità temporanea (relativa ed assoluta) sia in ambito di invalidità permanente (per micro e macrolesioni).

Infine, lo Studio ha approfondito lo studio e la trattazione di svariati casi di risarcimento del danno nelle sue più evolutive voci tra cui quella del c.d. danno tanatologico, del danno da nascita indesiderata (Francesco_Cecconi_e_di_Gaia_Cipriani.pdf), del danno da lesione del diritto all’autodeterminazione e del danno patrimoniale futuro.

Avv. Francesco Cecconi
[email protected]
+39 055.229058

Le ultime news sulla Responsabilità Civile e gravi Lesioni Personali

Fatto ignoto: a chi spetta l’onere di dimostrarlo?

I Giudici della Corte di cassazione, con la sentenza n. 18102 del 2020, si sono soffermati su due aspetti fondamentali del c.d. nesso causale nei giudizi di malasanità. In tali giudizi, infatti, il medico e il paziente sono gravati da un differente onere della prova e, quindi, il fatto ignoto ricade sull’uno o sull’altro a…

Leggi di più

Danno patrimoniale futuro: torna il criterio del ‘triplo della pensione sociale’

La Corte di Cassazione, con il recentissimo provvedimento n. 17690 del 25 Agosto 2020, è tornata ad affermare la validità del principio secondo cui “…quale parametro di riferimento per la liquidazione equitativa (ex art. 1226) del danno patrimoniale futuro da incapacità lavorativa, anche se patito in conseguenza di errata prestazione sanitaria da soggetto percettore di…

Leggi di più

Danni da talidomite: da quando inizia a decorrere la prescrizione per la domanda di indennizzo?

Come per il danno da emotrasfusioni, anche per il danno da somministrazione di un farmaco senza adeguati controlli sulle potenzialità di produrre effetti collaterali dannosi per la salute vale il principio per cui il termine di prescrizione del diritto al risarcimento del danno da parte di chi assume di aver contratto per contagio una malattia…

Leggi di più

Consenso informato: spetta al paziente provare che, se adeguatamente informato, non avrebbe fatto l’intervento

La Corte di Cassazione, nell’ordinanza n. 9887/2020 conferma il principio ormai pacifico in base al quale, in ambito medico la manifestazione del consenso del paziente all’intervento chirurgico è espressione del diritto all’autodeterminazione, che trova il suo fondamento in quanto sancito dagli artt. 2, 13 e 32, comma 2,della Costituzione. I Giudici precisano però che, nel momento in…

Leggi di più

Emotrasfusioni infette e responsabilità medica

Attraverso questa sentenza, i Giudici della Cassazione accordano il risarcimento ai congiunti se l’epatite da trasfusione di sangue infetto è concausa della morte perché ha creato problemi alla coagulazione. La fattispecie Un padre e un figlio convengono in giudizio il Ministero della Salute per ottenere i danni subiti in conseguenza della morte della moglie e…

Leggi di più