Lo Studio svolge attività di assistenza e consulenza nel diritto civile ed assicurativo e nelle pratiche di responsabilità derivanti da illecito, sia contrattuale che extracontrattuale.

Nell’area dell’ illecito civile, lo studio ha maturato notevole esperienza nella casistica dei gravi infortuni con importanti lesioni personali e con decessi, nelle loro molteplici fattispecie: incidenti stradali, sulle piste da sci danni da insidie, quali le buche stradali, pavimenti bagnati, attività pericolose ed altro, nonché polizze assicurative e relativi indennizzi.

L’attività dello studio si è svolta anche nelle aree disciplinate da norme speciali quali quelle la responsabilità:

  • degli incapaci
  • dei genitori, tutori e precettori
  • dei padroni e committenti
  • per l’esercizio delle attività pericolose
  • per danni cagionati da cose in custodia
  • in materia di sinistri marittimi
  • per danni cagionati da veicoli ovvero responsabilità civile automobilistica detta RCA
  • per danno cagionato da animali
  • per danni cagionati da rovina di edificio.

Particolarmente significativa l’esperienza maturata negli anni dallo studio nella assistenza al risarcimento dei danni derivanti da gravi lesioni personali e nei danni derivanti da decesso.

Il settore del risarcimento dei danni derivanti da gravi lesioni personali (cosidette macrolesioni o dei danni da morte), soprattutto per quanto concerne l’individuazione dei criteri per la relativa quantificazione, ha subito negli anni una lunga e complessa evoluzione tanto da essere considerata un delle più mutevoli materie del nostro ordinamento.

Lo Studio ha maturato una importante esperienza nell’ambito della quantificazione dei danni non patrimoniali (quali quello alla salute, quello c.d. morali ed esistenziale) e nei danni patrimoniali (quale lucro cessante e danno emergente, da perdita di chanches).

Nell’ambito della quantificazione del danno non patrimoniale particolarmente significativa la trattazione di molteplici casi di danno c.d. biologico nelle sue conseguenze dinamico relazionali, sia in ambito di invalidità temporanea (relativa ed assoluta) sia in ambito di invalidità permanente (per micro e macrolesioni).

Infine, lo Studio ha approfondito lo studio e la trattazione di svariati casi di risarcimento del danno nelle sue più evolutive voci tra cui quella del c.d. danno tanatologico, del danno da nascita indesiderata (Francesco_Cecconi_e_di_Gaia_Cipriani.pdf), del danno da lesione del diritto all’autodeterminazione e del danno patrimoniale futuro.

Avv. Francesco Cecconi
[email protected]
+39 055.5520283

Le ultime news sulla Responsabilità Civile e gravi Lesioni Personali

Decesso di un paziente per condotta omissiva dei sanitari: il nesso causale deve sussistere in base al principio del “più probabile che non”

18 maggio 2022 La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 8114 del 14 marzo 2022 ha confermato un principio consolidato secondo il quale la verifica del nesso causale tra condotta omissiva e fatto dannoso si basa sull’accertamento della probabilità del conseguimento del risultato idoneo ad evitare il rischio specifico di danno. Tale accertamento deve…

Leggi di più

Colpa grave e colpa lieve: la Cassazione chiarisce i confini della responsabilità sanitaria

5 maggio 2022 La Suprema Corte (con sentenza n. 4905/2022) ha affermato che la colpa lieve del medico deve essere valutata non in relazione alla gravità della malattia del paziente, bensì alla difficoltà dell’intervento, nonostante la diagnosi precoce. In altri termini, la responsabilità è esclusa quando l’intervento medico sia di particolare difficoltà e solo ove…

Leggi di più

Responsabilità del medico per errore nelle trasfusioni

20 aprile 2022 Secondo i Giudici della Corte di Cassazione (sentenza 8 febbraio 2022, n. 4323), è responsabile dei danni accorsi al paziente l’anestesista che durante un intervento chirurgico aveva trasfuso sangue incompatibile con il gruppo sanguigno del paziente, confidando che il controllo sulla sacca ematica fosse stato eseguito dall’infermiera. Quanto sopra poiché, secondo i…

Leggi di più

Pinza chirurgica che si frantuma e crea danni: responsabilità del costruttore

14 aprile 2022 Che cosa succede se un dispositivo medico o un suo frammento viene abbandonato dal medico durante un trattamento sanitario creando lesioni al paziente? La corte di Cassazione, con la recentissima sentenza n. 2149/2022 ha stabilito la responsabilità del costruttore di una pinza chirurgica, frantumatasi durante un’operazione alla spina dorsale, causando danni irreversibili…

Leggi di più

L’infezione da Covid-19 rientra negli infortuni indennizzabili

13/04/2022 Con la recente sentenza n. 184 del 19 gennaio 2022, il Tribunale di Torino ha affermato che anche la causa del contagio da Covid-19 può considerarsi “violenta”, oltre che “fortuita”  ed “esterna”, con la conseguenza che, in assenza di specifiche esclusioni contrattuali, tale infezione rientra nella definizione di “infortunio” con obbligo, per l’assicurazione, di…

Leggi di più

Responsabilità del medico per il differenziale fra invalidità preesistente e complessiva: Cassazione Civile n. 27265/2021

Il medico che effettua un intervento su di un paziente affetta da pregressa patologia, cagionandone l’insorgenza di una ulteriore, concorrente e più grave, potrà essere chiamato a rispondere dei soli danni cagionati al medesimo sotto il profilo della causalità giuridica, non potendogli ascrivere le conseguenze dannose non riconducibili eziologicamente all’evento dannoso. Pertanto, la quantificazione dell’ammontare…

Leggi di più