Avvocato Francesco Cecconi

L’avv. Francesco Cecconi si laurea nel 1997 in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Firenze e dal 2001 è iscritto all‘Albo degli Avvocati di Firenze e all’Albo speciale Avvocati Cassazionisti e Giurisdizioni Superiori.

Tra il 1997 ed il 2001 sono numerose le sue esperienze professionali, tra le quali si annovera la collaborazione con lo studio legale “Barile ed Associati” di Firenze .

Nel 2001 inizia la collaborazione con lo studio legale “Sebastiani Pezzano Soldaini”, dove si occupa principalmente di diritto societario, degli appalti e del diritto industriale, sino a diventare, nel 2010, Socio Fondatore dello Studio Legale PSP – Pezzano Soldaini & Partners.

Nel corso della propria attività, Francesco Cecconi si è specializzato nella consulenza a favore di rilevanti gruppi industriali operanti nel settore degli appalti, dei servizi e delle costruzioni.

Accanto al proprio lavoro di assistenza, l’avvocato Francesco Cecconi assiste anche privati e società nel contenzioso giudiziale, con particolare riguardo alle aree del diritto civile e commerciale, gestendo a stretto contatto della clientela le varie fasi delle controversie, compresa la ricerca e l’attuazione di strumenti alternativi di risoluzione del contenzioso, come l’arbitrato, la mediazione e la conciliazione stragiudiziale.

Nel corso degli anni l’avvocato di Firenze ha seguito molteplici vicende tra quelle di maggior spicco della realtà Toscana: da quelle inerenti ai project financing, a quelle relative ai più significativi appalti ed assistendo clienti anche in numerosi arbitrati di diritto italiano ed internazionale.

Particolarmente significativa inoltre la sua esperienza nell’ambito della responsabilità professionale medica; settore in cui, negli anni, ha risolto molteplici casi di assoluto rilievo su tutto il territorio nazionale.

L’avvocato fiorentino ha curato l’opera “Il risarcimento del nuovo danno non patrimoniale. Rassegna di giurisprudenza commentata”, edita nel 2012 da “FucinaPsp” e nel 2014 è stato co-autore dell’opera “La responsabilità civile medica dopo la legge Balduzzi”, edita da Giappichelli.

Dal 2019 l’avv.Cecconi è partners di Consulcesi & Partners per l’assistenza e consulenza di medici e professionisti della sanità nei procedimenti di responsabilità medica e nel diritto del lavoro.

Francesco Cecconi ha svolto attività di formazione e consulenza presso l’“Incubatore di Firenze” (Ente costituito per la promozione ed il sostegno di nuove attività imprenditoriali) in materia di diritto commerciale, societario, industriale e della proprietà intellettuale.

L’avv. Cecconi ha partecipato, anche come relatore, a Convegni nell’area del diritto civile e commerciale ed ha pubblicato molteplici articoli su riviste specializzate.

E’ socio della Camera Civile di Firenze e Arbitro della Camera Civile di Firenze.

Materie Trattate

  • Diritto sanitario e responsabilità medica
  • Diritto societario e commerciale
  • Diritto industriale e della proprietà intellettuale
  • Diritto di famiglia e delle successioni
  • Diritto del lavoro
  • Diritto immobiliare

Come contattare l'Avv. Cecconi

    Accetta la nostra Informativa sulla Privacy per inviarci la richiesta.

    Le pubblicazioni dell'avv. Cecconi

    La responsabilità civile medica dopo la legge Balduzzi

    Francesco Cecconi – Gaia Cipriani (a cura di)  Antonio Pezzano

    2014 – pp. XII-196
    formato cartaceo – ISBN 978•88•7524277•0 – € 24,00 – acquista
    formato epub – ISBN 978•88•9215736•1 – € 16,99 – acquista (EPUB protetto da drm) – info

    Dimesso dopo una frattura al bacino non diagnosticata: muore paziente e risarcimento alla famiglia

    23 maggio 2022 Un paziente, a seguito di un sinistro, si era recato al Pronto Soccorso per un forte dolore alla gamba e al bacino. Il personale sanitario incaricato, a seguito di radiografia, riteneva non vi fosse alcuna frattura e, dunque, dimetteva il paziente dalla struttura. Successivamente, lo stesso decedeva a causa di trombosi polmonare,…

    Leggi di più

    Decesso di un paziente per condotta omissiva dei sanitari: il nesso causale deve sussistere in base al principio del “più probabile che non”

    18 maggio 2022 La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 8114 del 14 marzo 2022 ha confermato un principio consolidato secondo il quale la verifica del nesso causale tra condotta omissiva e fatto dannoso si basa sull’accertamento della probabilità del conseguimento del risultato idoneo ad evitare il rischio specifico di danno. Tale accertamento deve…

    Leggi di più

    Le ultime news dall'avv. Francesco Cecconi

    Dimesso dopo una frattura al bacino non diagnosticata: muore paziente e risarcimento alla famiglia

    23 maggio 2022 Un paziente, a seguito di un sinistro, si era recato al Pronto Soccorso per un forte dolore alla gamba e al bacino. Il personale sanitario incaricato, a seguito di radiografia, riteneva non vi fosse alcuna frattura e, dunque, dimetteva il paziente dalla struttura. Successivamente, lo stesso decedeva a causa di trombosi polmonare,…

    Leggi di più

    Decesso di un paziente per condotta omissiva dei sanitari: il nesso causale deve sussistere in base al principio del “più probabile che non”

    18 maggio 2022 La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 8114 del 14 marzo 2022 ha confermato un principio consolidato secondo il quale la verifica del nesso causale tra condotta omissiva e fatto dannoso si basa sull’accertamento della probabilità del conseguimento del risultato idoneo ad evitare il rischio specifico di danno. Tale accertamento deve…

    Leggi di più

    Colpa grave e colpa lieve: la Cassazione chiarisce i confini della responsabilità sanitaria

    5 maggio 2022 La Suprema Corte (con sentenza n. 4905/2022) ha affermato che la colpa lieve del medico deve essere valutata non in relazione alla gravità della malattia del paziente, bensì alla difficoltà dell’intervento, nonostante la diagnosi precoce. In altri termini, la responsabilità è esclusa quando l’intervento medico sia di particolare difficoltà e solo ove…

    Leggi di più

    Responsabilità del medico per errore nelle trasfusioni

    20 aprile 2022 Secondo i Giudici della Corte di Cassazione (sentenza 8 febbraio 2022, n. 4323), è responsabile dei danni accorsi al paziente l’anestesista che durante un intervento chirurgico aveva trasfuso sangue incompatibile con il gruppo sanguigno del paziente, confidando che il controllo sulla sacca ematica fosse stato eseguito dall’infermiera. Quanto sopra poiché, secondo i…

    Leggi di più

    Pinza chirurgica che si frantuma e crea danni: responsabilità del costruttore

    14 aprile 2022 Che cosa succede se un dispositivo medico o un suo frammento viene abbandonato dal medico durante un trattamento sanitario creando lesioni al paziente? La corte di Cassazione, con la recentissima sentenza n. 2149/2022 ha stabilito la responsabilità del costruttore di una pinza chirurgica, frantumatasi durante un’operazione alla spina dorsale, causando danni irreversibili…

    Leggi di più

    L’infezione da Covid-19 rientra negli infortuni indennizzabili

    13/04/2022 Con la recente sentenza n. 184 del 19 gennaio 2022, il Tribunale di Torino ha affermato che anche la causa del contagio da Covid-19 può considerarsi “violenta”, oltre che “fortuita”  ed “esterna”, con la conseguenza che, in assenza di specifiche esclusioni contrattuali, tale infezione rientra nella definizione di “infortunio” con obbligo, per l’assicurazione, di…

    Leggi di più

    Responsabilità del ginecologo per errata manovra sul nascituro: Cass. Civ. 29000/2021

    La Suprema Corte ha confermato la responsabilità solidale per la lesione subita dal nascituro a causa di una errata manovra effettuata durante il parto dell’ostetrica (responsabilità commissiva) assistita dal ginecologo (responsabilità commissiva ed omissiva), quest’ultimo comunque responsabile in qualità di capo dell’equipe medica operante.

    Leggi di più

    Responsabilità medico sanitaria per l’amputazione della gamba: 500.000 euro di risarcimento a carico di due strutture assistenziali toscane

    Il Tribunale di Firenze ha condannato due strutture sanitarie al risarcimento di 500.000 euro a titolo di responsabilità medico sanitaria per aver costretto un’anziana paziente a subire l’amputazione della gamba a causa di un’infezione contratta in una delle due strutture e mai curata adeguatamente in nessuna delle due. Nello specifico la paziente veniva ricoverata per…

    Leggi di più

    Responsabilità medica per l’omessa diagnosi di una malattia terminale: Cassazione Civile, sentenza n. 27682/2021

    Secondo la Corte di Cassazione, in caso di responsabilità di un medico per omessa diagnosi di una malattia terminale, non sussiste solo il diritto al risarcimento per i danni all’integrità fisica o alle perdute chance di guarigione ma anche il diritto al risarcimento per la lesione del diritto alla autodeterminazione del paziente che, nel caso,…

    Leggi di più