Addebito della separazione al marito se la sua auto è fotografata sotto casa dell’amante.

Il Tribunale di Pesaro, nella recente pronuncia n. 232 del 29.03.2021, ha dato rilevanza decisiva, ai fini dell’addebito della separazione, alle fotografie ritraenti la macchina del marito parcheggiata sotto casa dell’amante. Secondo la ricostruzione del Tribunale, tali fotografie dimostravano che il loro rapporto tra i coniugi era entrato in crisi a causa della clandestina relazione…

Le coppie gay hanno il diritto di trascrivere in Italia l’atto di nascita estero del figlio adottivo: Cassazione Civile, SS. UU., n. 9006 del 31 marzo 2021.

Con una decisione epocale rispetto alla giurisprudenza italiana in tema di filiazione, le Sezioni Unite della Corte di Cassazione hanno recentemente affermato che  “non contrasta con i principi di ordine pubblico internazionale il riconoscimento degli effetti di un provvedimento giurisdizionale straniero di adozione di minore da parte di coppia omoaffettiva maschile che attribuisca lo status…

Chat tra moglie e amante? C’è l’addebito della separazione

Attraverso una recente pronuncia, è stato stabilito che lo scambio di sms su WhatsApp tra moglie e amante provano l’anteriorità del tradimento rispetto alla crisi coniugale: al marito l’addebito della separazione. Il caso concreto Una coppia con figli decide di separarsi e, tra le richieste della donna, c’è anche l’addebito al marito della fine della…

Corona virus Fase 2: i fidanzati sono “congiunti”

il testo dell’ultimo DPCM, prevede che sono consentiti gli spostamenti nella stessa Regione per fare visita ai propri congiunti. A livello tecnico, in tale categoria non vi si possono annoverare i fidanzati. Per tale motivazione, nel corso della giornata di oggi, molti hanno fatto sentire le proprie critiche verso tale esclusione. Un divieto del genere,…

Emergenza COVID-19: Quali sono gli spostamenti consentiti ai genitori di figli separati/divorziati

In questo periodo emergenziale, dove i provvedimenti legislativi e del governo si stanno susseguendo a ritmo frenetico, appare quantomeno opportuno fare chiarezza su ciò che ci è consentito e su cosa, invece, non ci è più consentito fare, soprattutto in tema di spostamenti. La materia appare di particolare interesse per tutte quelle coppie di genitori…

Diritto della famiglia – Azione di disconoscimento della paternità: fino a quando è possibile?

Con il c.d. decreto filiazione del 2013, è stato introdotto il termine di decadenza di 5 anni dalla nascita del figlio per la proposizione dell’azione di disconoscimento di paternità. La Corte di Cassazione, con la sentenza in esame, risolve il dubbio sull’applicabilità di tale disposizione e ribadisce la necessità della nomina di un curatore speciale…